A winery full of surprises: Fattoria Fibbiano

When you become a wine consultant freelancer there are a thousand advantages, but the biggest is certainly the fact that you can accept invitations from friends who, when you work full-time, you just can not honor. And so it was when my dear friend and wine colleague, Emilia Marinig, invited me to take part in a dinner to taste the wines of Fattoria Fibbiano, unknown to me, a few months ago.

The tasting took place at Treves & Hyde in Aldgate, a restaurant I am very fond of, not only for the inviting dishes, but also because the General Manager Adriano, is a dear friend with whom I have collaborated in the past.It is very easy to describe a winery after having seen it, but try to make people imagine it, maybe to those who are not used to visit wineries, that’s something else, yes it’s an art that Matteo Cantoni, a former engineer but today the voice of Fattoria Fibbiano outside the Italian borders, owns. It was thanks to his unstoppable energy that he managed to involve and attract all the attention of us, lucky guests.

Before the official presentation in English for a mixed group of people, I had the opportunity to listen to Matteo explaining how his parents, who lived in Milan, one day made a tour around Tuscany and saw a sign indicating the property of Fibbiano, for sale for 17 years. Enchanted by the place and convinced to want to return to live immersed in nature, they bought it in 1990 and since then all the rest is history!

Today the farm comprises 85 hectares of land, of which 40 are planted with vines, the remainder is cultivated with olive trees. The Cantoni family has also built a farm where travelers are welcomed, for those who let themselves be charmed by the area of ​​Terricciola, in the province of Pisa, definitely out of the range of action of the English that usually make Siena or Florence, their city of election.

Inside the farm, the new owners discovered treasures left in inheritance by mother nature: a very old, 100-year-old vineyard that has not been explanted, but taken care of, to produce the most expensive wine of the company (Ceppatella) and a source of water that gives its name to the white wine ‘Fonte delle Donne’ (we tasted vintage 2017), a blend of Vermentino at 50% and Colombana at 50%. Colombana is a table grape that nobody uses now but that at Fibbiano was cultivated, and since the idea of ​​respecting and preserving traditions is the cardinal principle of the company, it is now used to produce this interesting white wine.

The Colombana vine has been studied by the University of Pisa. It is a variety that lacks structure although it has a strong acidity, and has a low aromatic profile so that the grapes are subjected to cryo-maceration to enhance the aromas.

The fermentation takes place in cement tanks where the wine remains in contact with the fine lees for a couple of months, to gain complexity and body. There are only three producers who vinify Colombana and use it to produce Vin Santo. 10,000 bottles are made of this white. It is a fresh, dry wine with a tasty minerality and hints of herbs. Over time, it can develop notes of honey, thyme, mint and even licorice. This white has been wisely served as an aperitif at the beginning of the dinner accompanying venison tartare with music paper, truffle and toasted ketchup. An unusual combination for this wine, but not at all risky.

As claimed by Matteo, two-thirds of the company’s production are represented by red wines. The first red of the evening was their Chianti Superiore DOCG 2015 Casalini, produced from 90% Sangiovese and 10% Ciliegiolo: fermented in cement tanks and then for one year aged in old Slavonian barrels, followed by the aging in bottle for 6 months. A serious, clean Chianti with a beautiful, lively fruit and a marked acidity. The Chianti has been an excellent anticipation of the pure Ciliegiolo 2015 that followed it. Ciliegiolo is a grape that I particularly like!

Fibbiano owns 1.5 hectares of Ciliegiolo and just for those unfamiliar with this vine, it must be said that its name is a direct reference to cherry. It had little exposure to international markets, sold mainly locally although today the wine is going through a revival phase.
The relationship between Ciliegiolo and Sangiovese is not well known, and even if it is married to Sangiovese like in the case of Chianti Casalini, Ciliegiolo has its own charm. It is a grape with strong aromas of red fruit: it is harmonious, but also has a solid structure and shows off a nice freshness. 
This grape has always struck me for the abundance of sweet spices and fruit that do not abandon the palate even after the last sip of wine, and makes it ideal even to sip on its own. The Ciliegiolo of Fibbiano has been a revelation for me; I loved it for its precision, its length, its raspberry jam and the clear notes of blood orange peel. Add to this the warm 2015 vintage and what you can get is a special wine…

The Ciliegiolo was paired, by the English chef, to the red pumpkin and leek risotto, with Hampshire tunworth cheese, a kind of French camembert, pasty and fluffy, with aromas of earthy mushrooms and nutty flavor, and with trompette mushrooms (a specific category of mushrooms, also called chanterelle) that well combined with the risotto. It was the most popular dish for everyone, unanimously, for the precision of rice cooking and for the harmony of the combination.

Afterwards, the 2013 l’Aspetto was served: a blend of 50% Sangiovese (from 70-year-old vines) and 50% Canaiolo-the wine ages for 4 months in cement tanks, which provide the conditions for micro-oxygenation and where malolactic fermentation takes place, then 16 months of maturation in Slavonian barrels and finally 12 months of aging in bottle. The 2013, released on the market last October and served by Magnum is an elegant, delicate wine, just like the pork belly served in combination, with a side of truffle and crushed turnip.

It is with this last dish that we have paired two other wines: Ceppatella 2012, from 100% Sangiovese grapes, 130-year-old vines, grown on ungrafted vines, for a total of 1.8 hectares and of which only 2,500 bottles were produced. A complex wine, concentrated in the persistent aromas and flavors of: ripe red fruits, tobacco, vanilla sticks, cocoa, sweet spices, black olives, dark chocolate, licorice. Organic, like all of Fibbiano’s production, which in the future will become certified, is a great wine with a potential for longevity of about 20 years or so.

Introducing the last wine of the tasting makes me smile: it was in fact the surprise of the evening not to be revealed immediately, but when Matteo made a quick list of his wine production, my swift question was: among all your wines, which is the one you’re most fond of? And the heart took over, making him exclaim: the Sanforte! And he added, shocked: but, that was the surprise of the end of the dinner … !!!
A unique wine, of which the 2014 vintage was the first produced at Fibbiano, entirely made by Sangiovese Forte, a very popular Sangiovese clone popular around 1852, when it was widely documented, but then slowly destined to disappear. A light color, reminiscent of Pinot Noir, but with an important structure. Fibbiano produces 7,000 bottles.
An evocative taste of pepper, tobacco, dried leaves with silky tannins, copious acidity, an elegant harmony, a surprising finish.

Our dinner ended with Christmas sweets called ‘mince pies’ and a pre-Christmas toast, in an evening of happy and cheerful company. I am sure that, despite the myriad of continuous but pertinent questions I addressed to Matteo during dinner, he has perceived their pure investigative nature for informational purposes, and all in all between us two a nice connection has been established.


Una cantina piena di sorprese: Fattoria Fibbiano

Quando si diventa wine consultant freelance ci sono mille vantaggi, ma il piu’ grande e’ di sicuro il fatto che si possono accettare inviti dagli amici che, quando si lavora full-time, non si riesce proprio ad onorare. E cosi’ e’ stato quando la mia cara amica e collega di vino, Emilia Marinig, mi ha invitata a prendere parte ad una cena per assaggiare i vini di Fattoria Fibbiano, a me sconosciuti, qualche mese addietro.

La degustazione si e’ tenuta nel ristorante/bar Treves & Hyde a Aldgate, a cui sono molto affezionata, non solo per gli invitanti piatti, ma anche perche’ il General Manager Adriano e’ un caro amico col quale ho avuto modo di collaborare in passato.E’ molto facile descrivere una cantina dopo averla visitata, ma provate a farla immaginare, ‘raccontandola’ magari a persone che non sono solite andare in giro per cantine, quella e’ tutta un’altra cosa, e’ un’arte diciamo che Matteo Cantoni, ex ingegnere ma oggi voce di Fattoria Fibbiano fuori dai confini italiani, possiede. E’ stato grazie alla sua inarrestabile energia che e’ riuscito a coinvolgere e attirare tutta l’attenzione di noi, fortunati commensali.

Prima della presentazione ufficiale in inglese per un gruppo misto di persone, ho avuto modo di ascoltare Matteo nel raccontare di come i suoi genitori, che vivevano a Milano, un giorno fecero un giro in Toscana e videro un cartello che indicava la proprieta’ di Fibbiano, in vendita da ben 17 anni. Incantati dal posto e convinti di voler ritornare a vivere immersi nella natura, la acquistarono nel 1990 e da allora tutto il resto e’ storia!

Oggi la Fattoria comprende 85 ettari di terra, di cui 40 sono coltivati a vite, il rimanente e’ coltivato ad ulivi. I Cantoni hanno messo su anche un agriturismo dove vengono accolti i viaggiatori, che si lasciano affascinare dalla zona di Terricciola, in provincia di Pisa, decisamente fuori dal raggio di azione degli inglesi che di solito fanno di Siena o di Firenze, la loro citta’ di elezione.All’interno della Fattoria, i nuovi proprietari scoprirono tesori lasciati in eredita’ da madre natura: un vigneto vecchissimo, di 100 anni che non e’ stato espiantato, anzi accudito al punto da produrre da esso, il vino piu’ costoso dell’azienda (Ceppatella) e una sorgente di acqua che da’ il nome al vino bianco ‘Fonte delle Donne’ (noi abbiamo degustato il 2017), un blend di Vermentino al 50% e Colombana al 50%. Colombana e’ un’uva da tavola che nessuno utilizza ormai ma che a Fibbiano era coltivata, e siccome l’idea di rispettare e custodire le tradizioni e’ il principio cardine dell’azienda, e’ oggi utilizzata per produrre questo interessante bianco.Il vitigno Colombana e’ stato oggetto di studi da parte dell’Universita’ di Pisa. E’ una varieta’ che manca di struttura sebbene possieda forte acidita’, ed ha un basso profilo aromatico per cui le uve vengono sottoposte a crio-macerazione per esaltarne i profumi.

La fermentazione avviene in vasche di cemento dove il vino rimane per un paio di mesi in contatto con le fecce fini proprio per guadagnare complessita’ e corpo. Ci sono solo tre produttori che vinificano il Colombana e la utilizzano per produrre Vin Santo. Di questo bianco vengono prodotte 10,000 bottiglie. E’ un vino fresco, secco, con una gustosa mineralita’ e sentori di erbe. Col tempo puo’ sviluppare note di miele, timo, menta e persino liquirizia. Il bianco e’ stato saggiamente servito come aperitivo all’inizio della cena accompagnando la tartare di cervo con carta di musica, tartufo e ketchup abbrustolito. Una combinazione inusuale per questo vino, ma nient’affatto azzardata.
Come sostenuto da Matteo, i due terzi della produzione aziendale sono rappresentati dai vini rossi. Il primo della serata e’ stato il Chianti Superiore DOCG 2015 Casalini, prodotto da 90% Sangiovese e 10% Ciliegiolo: fermentato in vasche di cemento e poi per un anno maturato in botti vecchie di Slavonia, termina l’affinamento in bottiglia per 6 mesi. Un Chianti serio, pulito, con una bella frutta viva e una spiccata acidita’.Il Chianti e’ stato un’ottima anticipazione al Ciliegiolo 2015 in purezza che lo ha seguito. Ciliegiolo e’ un vitigno che mi piace particolarmente!

Fibbiano possiede 1.5 ettari di vigneto di ciliegiolo e giusto per chi non conosce bene questo vitigno, bisogna dire che il suo nome e’ un riferimento diretto alla ciliegia e che, poco esposto ai mercati internazionali e’ stato rilegato solo a produzioni locali ma oggi e’ in fase di revival all’estero.Non si conosce bene la relazione di parentela tra Ciliegiolo e Sangiovese che spesso come nel caso del Chianti Casalini vengono sposati, ma il Ciliegiolo ha tutto un suo fascino. E’ un vitigno con forti aromi di frutta rossa; e’ armonioso, ma possiede anche una solida struttura e sfoggia una bella freschezza gustativa.Di questo vitigno mi ha sempre colpito l’abbondanza di spezie dolci e frutta che non abbandonano il palato anche dopo l’ultimo sorso di vino, e che lo rende ideale anche da sorseggiare da solo. Il Ciliegiolo di Fibbiano e’ stato per me una rivelazione; mi e’ molto piaciuto per la sua precisione, per la sua lunghezza, per le sue note di marmellata di lampone e per le chiare note di scorza di arancia sanguigna. A cio’ si aggiunge la calda annata 2015 che lo ha reso un vino speciale..
Il Ciliegiolo e’ stato abbinato dallo chef inglese al risotto di zucca rossa e porro, con formaggio tunworth dell’Hampshire, una specie di camembert francese, pastoso e soffice, con aromi di funghi terrosi e sapore di nocciola, e con funghi trompette (una specifica categoria di funghi, detti anche chanterelle) che ben si sposano col risotto. E’ stato il piatto piu’ apprezzato da tutti, all’unanimita’, per la precisione della cottura del riso e per l’armonia dell’abbinamento.

A seguire l’Aspetto annata 2013, un blend di 50% Sangiovese (da viti di 70 anni) e 50% Canaiolo-il vino matura per 4 mesi in vasche di cemento, atte a fornire le condizioni per la micro-ossigenazione e nelle quali avviene la malolattica, per poi trascorrere 16 mesi di maturazione in botti di Slavonia e infine 12 mesi di affinamento in bottiglia. Il 2013,  rilasciato sul mercato lo scorso Ottobre e servitoci da Magnum e’ un vino elegante,  delicato, come la pancetta di maiale servita in abbinamento, con contorno di tartufo e rapa schiacciata.

E’ con quest’ultimo piatto che abbiamo alternato altri due vini. Ceppatella 2012, da uve 100% Sangiovese, viti di 130 anni, coltivate a piede franco per un totale di 1.8 ettari e di cui solo 2,500 bottiglie sono state prodotte. Un vino complesso e concentrato negli aromi e sapori persistenti di: frutti rossi maturi, tabacco, stecche di vaniglia, cacao, spezie dolci, olive nere, cioccolato fondente, liquirizia. Organico, come tutta la produzione Fibbiano, che otterra’ in futuro la certificazione, e’ un grande vino con un potenziale di longevita’ di circa 20 anni.

Introdurre l’ultimo vino in degustazione mi porta a sorridere: si trattava infatti della sorpresa della serata da non svelare subito, ma quando Matteo ci ha fatto una veloce nomenclatura della sua produzione, la mia domanda a bruciapelo e’ stata: tra tutti i tuoi vini qual e’ quello a cui sei piu’ affezionato? E il cuore ha preso il sopravvento, facendogli esclamare: il Sanforte!! Ed ha aggiunto, sbigottito: ma era la sorpresa di fine cena…!!!Un vino unico, di cui l’annata 2014 e’ stata la prima per Fibbiano, prodotto interamente da Sangiovese Forte, un clone di Sangiovese molto popolare intorno al 1852, quando e’ stato ampiamente documentato, ma poi pian piano destinato a scomparire. Un colore scarico da Pinot Noir, ma con una struttura importante. Fibbiano produce 7,000 bottiglie. Un gusto reminiscente di peperone, tabacco, foglie secche con tannini setosi, copiosa acidita’, un’elegante armonia, un finale sorprendente.

La nostra cena si e’ conclusa con dolcetti di Natale chiamate mince pies ed un brindisi pre-natalizio, in una serata di festosa ed allegra compagnia. Sono sicura che, nonostante la miriade di domande continue ma pertinenti che ho rivolto a Matteo durante la cena, lui abbia percepito il loro puro carattere indagatore a scopo informativo, e tutto sommato tra noi due si sia stabilita una connessione simpatica.


Leave a Reply

Your email address will not be published.